Andy Warhol si vende in Criptovalute

Una percentuale del valore dell’opera d’arte Le piccole sedie elettriche di Andy Warhol (1980) saranno offerte in vendita attraverso la prima asta di materiale artistico del ventesimo secolo in criptovalute che si terrà il 20 giugno.

L’offerta sarà realizzata attraverso la blockchain di Maecenas Fine Art, una piattaforma decentralizzata per l’investimento nell’arte che consente la proprietà frazionata delle opere, che ha divulgato le informazioni attraverso un comunicato stampa pubblicato sul suo blog.

La nota aggiunge che l’attività è svolta in collaborazione con Dadiani Syndicate, un pioniere nel commercio transfrontaliero e una consociata di Dadiani Fine Art, la prima galleria d’arte del Regno Unito che accetta pagamenti di criptovaluta dal 2017.

A questo proposito, è spiegato che nell’asta sarà disponibile una partecipazione del 49% in questo dipinto, che fa parte della serie di Reversal del 1980 di Warhol e che ha un valore di $ 5,6 milioni, esposta in diversi paesi.

Attualmente il proprietario è Eleesa Dadiani, direttrice della galleria d’arte, che resterà con il restante 51% della partecipazione.

Il pezzo di Warhol, rappresentante americano della pop-art e morto nel 1987, diventa così il primo lavoro di un artista riconosciuto per essere venduto attraverso la tecnologia blockchain, in un processo in cui il prezzo finale delle quote d’asta saranno determinate da un contratto intelligente eseguito su Ethereum.

Si aggiunge che coloro che sono interessati a divenire azionisti frazionari del lavoro possono acquisire certificati digitali nella catena di blocchi utilizzando bitcoin (BTC), etere (ETH) e la nativa criptovaluta, ART.

Il prezzo di riserva è di $ 4 milioni e i dati del partecipante saranno soggetti alle politiche di sicurezza e antiriciclaggio (KYC / AML).

ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE TELEGRAM PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO ---> CLICCA QUI Risorse utili:

Comments (No)

Leave a Reply