Scroll to Top

Caso Foodora, Airaudo di Sel: “Lavoro continua a essere svalutato, lo si vuole assimilare al volontariato”

By Redazione / Published on giovedì, 13 Ott 2016 03:13 AM / No Comments / 222 views

Caso Foodora, Airaudo (Sel): “Lavoro continua ad essere svalutato, lo si vuole assimilare al volontariato. E’ anche colpa del sindacato. Renzi celebra le startup, ma non i diritti di chi ci lavora”

Caso Foodora, Airaudo di Sel: "Lavoro continua ad essere svalutato, lo si vuole assimilare al volontariato"

Giorgio Airaudo, sindacalista ed esponente politico di Sel, è intervenuto ai microfoni di Radio Cusano Campus. Dopo un week-end di proteste, il coordinamento dei “rider” di Foodora, piattaforma di consegne pasti a domicilio, promette battaglia con un post su facebook. Il nuovo contratto, applicato dal prossimo mese, prevede una paga per ogni consegna, meno di tre euro, e nessuna garanzia. “Si è svalutato in questi anni il lavoro, adesso lo si vuole assimilare al volontariato. Questo processo di svalutazione va fermato. Non esiste il lavoro come hobby, se è lavoro va retribuito. Il termine disattivazione si usa per un oggetto inanimato. Noi dobbiamo ritornare ad affermare l’elemento umano, gli esseri umani valgono più delle merci che producono. Bisogna riappropriarsi del lavoro, è molto bello quello che hanno fatto quei lavoratori di Foodora a Torino. Ho chiesto che il Ministro Poletti convochi il manager di Foodora. Il sindacato non riesce più a rappresentare una fascia di lavoratori che sono stati disarticolati negli anni, deve recuperare unità di rappresentanza. Il governo Renzi che celebra le startup aveva l’occasione di celebrare i diritti dentro una startup, non mi sembra che Renzi abbia parlato di questo, mi sembra che abbia parlato ad altri”.

Referendum costituzionale
“Come sempre per questo governo è importante la velocità, non è importante fare leggi per il bene dei cittadini. E’ importante votare no per contrastare questa visione” ha commentato Airaudo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *