Scroll to Top

Mare e spiagge inquinate : l’iniziativa #NoRifiutinelWC

By Mariagrazia Montuori / Published on domenica, 09 Lug 2017 15:51 PM / No Comments / 101 views

Le spiagge italiane sono tra le più belle al mondo, ma spesso la mano dell’uomo inquina e distrugge quanto di più bello la natura ha da offrirgli. Nasce così l’iniziativa #NoRifiutinelWC .

 

Le bellezze naturalistiche della nostra penisola sono motivo di grande ricchezza (culturale ma anche economica) per il nostro Paese. Nonostante ciò, molto spesso assistiamo a scempi e degrado, soprattutto nelle zone balneari più frequentate dal turismo di massa.

Per far fronte a questa emergenza si è diffusa in tutta Italia una interessante iniziativa, #NoRifiutinelWC . Sebbene nel nostro immaginario la distanza tra i nostri WC e le acque marine ci sembri enorme, nella realtà concreta non è affatto così. Infatti, più del 10% dei rifiuti accumulati sulle nostre spiagge proviene dagli scarichi dei nostri servizi igienici, soprattutto a causa di sistemi di depurazione inefficienti.

 

Sulle nostre spiagge c’è di tutto: cotton fioc , tamponi e assorbenti, medicazioni, deodoranti per wc, ecc…

rifiuti wc spiagge

Legambiente, con la sua emblematica Goletta Verde, ha quindi deciso di organizzare l’iniziativa #NoRifiutinelWC e migliaia di bagnanti si sono ritrovati in spiaggia tantissimi WC, portati dai volontari con lo scopo di sensibilizzare le masse a non gettare rifiuti solidi all’interno dei WC e scongiurare l’inquinamento che sempre più danneggia le nostre amate spiagge.

“Tutti sanno che gettare rifiuti nel Wc è sbagliato, ma in tanti ancora lo fanno perché si tratta di un comportamento così radicato nella routine di molti italiani da essere diventato purtroppo automatico, istintivo e quindi molto difficile da cambiare”

La campagna #NoRifiutinelWC ha quindi l’obiettivo di indurre piccoli ma importanti comportamenti virtuosi in ognuno di noi e far in modo che diventino pian piano comportamenti automatici, in modo da preservare il nostro patrimonio paesaggistico.L’iniziativa è partita dal Cilento, sul litorale di Agropoli, ha toccato però anche la regione Toscana ed in particolare la spiaggia di Chiarone di Capalbio (Gr) , ma presto si diffonderà lungo tutto lo Stivale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *