Pensione integrativa, fondo cometa

fondo cometa

Oggi vi parleremo di un importante fondo integrativo pensionistico, che riguarda solo un determinato settore lavorativo, ovvero il settore della metalmeccanica.

Il fondo cometa ha visto la luce in seguito alle lunghe trattative scaturite attraverso i principali referenti della categoria metalmeccanica.

Sul territorio italiano, sono presenti svariate tipologie di servizi per fondi pensionistici ed il fondo cometa rientra esclusivamente nella categoria dei fondi non obbligatori, difatti usufruire di tale servizio a scopo pensionistico è del tutto facoltativo.

Come già precedentemente citato ad inizio articolo, il fondo cometa si occupa del settore metalmeccanico motivo per il quale potranno accedervi solamente tutti coloro che appartengono a tale categoria associati ad una fetta contrattuale di un settore ben preciso.

Sino ad oggi le aziende facente parti del mondo metalmeccanico, hanno l’obbligo di presentare la documentazione per l’apertura del fondo pensionistico cometa, nei confronti dei propri dipendenti, i quali saranno liberi di scegliere se usufruire di tali servizi o meno.

Funzioni principali del Fondo Cometa

Il fondo cometa, nasce originariamente come associazione senza scopo di lucro ma utilizza una scala gerarchica all’interno della quale vengono costantemente nominati i gestori che dovranno a loro volta inviare i fondi ricevuti ai fini del versamento.

Nel 2005 è stata erogata una nuova normativa che regola e determina precisamente quali sono le aree d’azione per tutti coloro che usufruiscono del fondo pensionistico integrativo cometa.

Ogni associato al fondo, ha la possibilità di scegliere sino a ben quattro impostazioni di gestione.

La prima impostazione di gestione del fondo si chiama “Monetario plus 2“, formato in maniera totale dal 100% di investimenti in obbligazioni.

La seconda impostazione di gestione si chiama “sicurezza” ed ha un tetto massimo pari al 10% in investimenti per azioni, mentre la restante parte viene assorbita in obbligazioni.

La terza impostazione di gestione del fondo si chiama “reddito” ed ha una impostazione di massima del 30% in investimenti azionari e la restante parte in obbligazioni come le opzioni precedentemente citate.

La quarta ed ultima impostazione di gestione del fondo prende il nome di “crescita” ed ha una impostazione su azioni, maggiore della metà dell’investimento rispetto alle atre 3 opzioni, infatti sarà possibile investire il 60% in azioni e il restante 40% in obbligazioni.

Il lavoratore che sceglierà in futuro di associarsi a tale fondo pensionistico integrativo, vedrà il proprio TFR versato totalmente sul fondo cometa e gestito da quest’ultimo, tale passaggio permette ulteriore vantaggi non indifferenti, difatti il datore di lavoro sarà tenuto ad effettuare un altro versamento pari al 1,2% della retribuzione lorda annuale del proprio dipendente.

Il lavoratore che aderisce a fondo cometa avrà sempre sotto controllo la propria posizione del capitale poiché riceverà le comunicazione a scadenza trimestrale da parte del datore di lavoro, oltre a tali comunicazioni sarà possibile semplicemente collegarsi al sito internet di fondo cometa per tenere sotto controllo le procedure ed i dati in qualsiasi momento.

È possibile che il dipendente possa avere bisogno in futuro, di una parte della liquidità, essa potrà essere erogata dopo i primi otto anni dall’inizio della stipula del contratto, sarà possibile infatti, richiedere dei piccoli anticipi in determinati casi in cui il richiedente ne abbia fortemente bisogno.

In casi più urgenti come per esempio l’acquisto della prima casa o per imminenti ed improvvise spese tecniche, si potrà richiedere l’intero capitale maturato nel corso degli anni ed oltre i 5 anni di rapporto è anche possibile discernere il contratto ed annullare l’iscrizione al fondo cometa.

Il fondo cometa diviene dunque una grande alternativa ai fondi pensionistici classici, poiché in casi limiti come il fallimento aziendale, il dipendente potrà avere accesso ai propri fondi in maniera veloce al contrario del normale fondo pensionistico interno all’azienda.

ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE TELEGRAM PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO ---> CLICCA QUI Risorse utili:

Comments (No)

Leave a Reply