1
45

Puerto Rico: paradiso fiscale delle criptovalute.

Puerto Rico, nonostante la sua instabile situazione, è visto da molti Americani come il nuovo paradiso fiscale.

Molti broker e consulenti finanziari statunitensi stanno indirizzando i loro clienti verso il mercato portoricano affermando che spostando la residenza a Porto Rico avranno la possibilità di vendere partecipazioni in criptovalute 100% esentasse.

Puerto Rico: paradiso fiscale delle criptovalute.

L’economia portoricana quindi, se la situazione fosse realmente così, avrebbe l’occasione per risollevarsi e con lei anche gli investitori e i detentori di criptomonete. Ma come tutti sappiamo, è bene andarci con i piedi di piombo, soprattutto se la rivoluzione riguarda il sistema fiscale delle criptovalute.

L’IRS ha già in programma una strategia per tassare la moneta digitale e l’idea che queste criptovalute possano sfuggire alle imposte (grazie all’aiuto di autorità fiscali di USA e Puerto Rico) è un po’ surreale.

I contribuenti statunitensi, ad oggi, non hanno l’obbligo di dichiarare redditi portoricani se hanno residenza a Puerto Rico per almeno un anno. Tuttavia sono state introdotte regole più ferree per il controllo della residenza stessa. Non basta più essere residenti portoricani “su carta”, bisognerebbe trasferirsi realmente.

Inoltre, sebbene non siano tassati dal sistema fiscale statunitense, i redditi e le vendite da criptomonete potrebbero dover essere segnalate all’IRS.

Questo fatto preoccupa quindi gli investitori che rischiano di vedersi tassati i redditi da moneta digitale dall’oggi al domani. Tutto ciò che è stato “guadagnato” da vendita di criptovalute prima del trasferimento a Puerto Rico potrebbe quindi essere soggetto a tassazione negli USA.

L’altro dubbio in tutto ciò riguarda proprio il sistema fiscale portoricano. Nessuna certezza sul futuro della tassazione nemmeno in questo Paese. Non è da escludere infatti la possibilità che da un momento all’altro Puerto Rico decida di tassare le vendite, vedendo aumentare significativamente il numero dei contribuenti potenzialmente milionari.

Con la situazione economico-fiscale di Puerto Rico molto instabile e il budget statale parecchio in crisi, c’è da aspettarsi che le autorità prima o poi decidano di introdurre una tassa sui guadagni accumulati dal momento della residenza.

Sono aspetti che sia i consulenti fiscali che i contribuenti devono considerare seriamente per non incappare poi in spiacevoli situazioni.

Ti potrebbe interessare anche 1o migliori portafogli Bitcoin. Criptovalute a portata di mano

 

Se questo articolo ti è piaciuto continua a seguirci sulla nostra pagina facebook e iscriviti al nostro canale Telegram per rimanere sempre aggiornato! Ti potrebbe interessare:

Show Comments

No Responses Yet

Leave a Reply

Home - Contatti - Redazione - Disclaimer e Privacy - Cookie