Il rating per l’Italia non cambierà in base agli esiti referendari

L’Istituto di rating Standard & Poor’s ha puntualizzato che se la votazione sul referendum costituzionale del 4 dicembre dovesse sortire un NO, nulla cambierebbe rispetto al rating e all’outlook per l’Italia.

rating italiaNessuno scossone, dunque, per l’economia italiana a prescindere dall’esito del voto è previsto a livello internazionale, smentendo le previsioni catastrofiche prospettate da alcune personalità, poi smentite.

Infatti, all’inizio della campagna referendaria da alcuni sostenitori del SI sono state prospettate conseguenze catastrofiche per il nostro Paese nel caso venisse bocciata la riforma costituzionale elaborata da Renzi, salvo rettificare successivamente riconoscendo che la vittoria del NO, pur ritenuta dalla maggioranza negativa per l’Italia, non provocherebbe alcuna catastrofe. S&P conferma che nulla cambierebbe, purché l’Italia continui sulla strada delle riforme strutturali.

Lo stesso Istituto, però, conferma che un’approvazione della riforma costituzionale garantirebbe maggiormente il mantenimento dell’attuale rating, la valutazione dell’affidabilità economico – finanziaria dello Stato. Viene comunque puntualizzato che la previsione della crescita italiana è limata rispetto a quanto dichiarato dal Governo, ritenendo non possa andare oltre lo 0,9% per il 2017. Viene visto peggio l’andamento per gli anni successivi, insomma il futuro italiano non è molto roseo.

ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE TELEGRAM PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO ---> CLICCA QUI Articoli Sponsorizzati Storytelling a scopo pubblicitario (Il tuo capitale è a rischio) (Il tuo capitale è a rischio) Risorse utili:

Comments (No)

Leave a Reply