Satoshi NakaVoto: esperimenti della città giapponese con la votazione in blockchain

Un nuovo sistema di votazione basato sulla blockchain è stato sperimentato nella città giapponese di Tsukuba.

Secondo il rapporto del Times giapponese, il sistema consente agli elettori di votare tramite un display del computer dopo aver subito una procedura di verifica ed è protetto tramite l’uso della tecnologia blockchain per impedire che i dati “vengano falsificati o letti”.

La città, appena a nord-est di Tokyo, ritiene che questo sia il primo utilizzo del paese di un tale sistema di blockchain per il voto.

Un importante centro per la ricerca scientifica e tecnologica – la città ospita la sede centrale di Intel – forse non sorprende che stia aprendo la strada all’incorporazione della tecnologia, con il sindaco Tatsuo Igarashi che spiega:

“Avevo pensato che avrebbe comportato procedure più complicate, ma ho scoperto che è facile”

Il nuovo sistema non è stato tuttavia qualche inghippo. Molti elettori non ricordavano le password, ed era difficile accertare se i voti fossero stati contati.

Tuttavia, i sostenitori di Blockchain noteranno che i problemi riscontrati dagli elettori avevano poco a che fare con la tecnologia blockhain di per sé – ed erano problemi più legati all’uso di qualsiasi tipo di interfaccia per il voto digitale.

Mentre le altre giurisdizioni guardano globalmente alla tecnologia per il suo potenziale nel voto – con lo stato americano della West Virginia impostato per utilizzare la blockchain nelle elezioni di metà novembre – quest’ultima prova attesta ancora una volta la crescente penetrazione della blockchain nel mainstream e al di sopra tutto incoraggerà quelli nelle regioni in cui la frode elettorale rimane un problema serio.

Succederà anche in Italia ?!

ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE TELEGRAM PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO ---> CLICCA QUI Risorse utili:

Comments (No)

Leave a Reply