17

Youtube: quando la decenza è acqua passata

YouTube è senza dubbio la televisione delle nuove generazioni.

Mentre i nomi della tv possono risultare praticamente sconosciuti per i più giovani, Me Contro Te, Zeb98, ClioMakeUp e chi più ne ha più ne metta, sono di dominio pubblico.

Il bello di YouTube è che tutti possono diventare celebrità del web, con un po’ di impegno e tanta dedizione. Ma forse è proprio l’altra faccia della medaglia a rendere tutto più inquietante.

A luglio del 2017 una ragazza di diciannove anni ha sparato al suo ragazzo nel tentativo di dimostrare che un’enciclopedia è in grado di bloccare un proiettile, come si vede nei film. Il ragazzo, purtroppo, è morto, nonostante fosse la mente dietro a questo piano.

Sebbene un omicidio sia sempre un avvenimento tragico, ciò che rende le cose ulteriormente tristi è il fatto che nella stanza fosse presente il loro bambino, di appena tre anni, e due telecamere. La speranza dei ragazzi, Monalisa Perez e Pedro Ruiz, era quella di diventare un trend virale su YouTube…ma il prezzo del successo a volte può essere molto alto.

Chi è Logan Paul e perché ne parlano tutti?

Altro YouTuber è il ventiduenne Logan Paul che conta oltre 15 milioni di iscritti al proprio canale YouTube. Divenuto noto su Vine, il giovane vanta una fanbase estremamente di adolescenti e, nonostante fosse sconosciuto al pubblico italiano fino a qualche giorno fa, di recente ha caricato un video vlog molto particolare.

Lo scorso 31 dicembre 2017, Logan Paul ha pubblicato un vlog direttamente dalla foresta giapponese di Aokigahara, tristemente nota come “La Foresta dei Suicidi”. Il risultato? È stato costretto a rimuovere il video, si è beccato una shitstorm di proporzioni bibliche e ha finito con il chiedere scusa, quando, ormai, il danno era fatto.

Ma cosa può aver fatto di male? Paul non è stato certamente il primo a partire alla volta della Foresta dei Suicidi con una telecamera in mano con l’intento di girare un video vlog. La differenza è che è stato l’unico ad aver trovato un giovane impiccato a un albero. O comunque anche l’unico che ha pensato fosse una buona idea quella di riprenderlo e inserire la scena nel video.

Come abbia potuto sembrargli ottima l’idea di utilizzare un cadavere come immagine di anteprima, risulta inquietante e misterioso. Oltre sei milioni di ragazzini hanno visto il video nelle prime ore dalla sua uscita, facendo così finire il filmato tra le tendenze di Youtube.

A seguito delle (ovvie e più che lecite) critiche ricevute, Paul è stato costretto a rimuovere il video il giorno successivo alla sua pubblicazione. Le sue scuse sono arrivate via Twitter e YouTube stesso, e hanno preceduto la sua dichiarazione di volersi prendere un momento di pausa dalla piattaforma.

YouTube è recentemente sopravvissuto all’AdPocalypse che ha visto numerosi sponsor ritirare le proprie quote a causa dei contenuti dal basso valore morale spesso caricati dagli youtubers. Nonastante ciò, ha permesso anche accadesse tutto questo. Come può essere possibile?

Probabilmente i sofisticati algoritmi della piattaforma non possono colmare la necessità di voyeurismo lanciata dalla diffusione di social e smartphone.

Forse al giorno d’oggi si è disposti a tutto pur di avere qualche like in più. O forse ciò che manca ai giovani youtuber, aspiranti e non, è un po’ di buon senso , umanità e sensibilità.

Se questo articolo ti è piaciuto continua a seguirci sulla nostra pagina facebook e iscriviti al nostro canale Telegram per rimanere sempre aggiornato! Ti potrebbe interessare:

Show Comments

No Responses Yet

Leave a Reply

Home - Contatti - Redazione - Disclaimer e Privacy - Cookie