Contributi figurativi assegno ordinario di invalidità, quando sono riconosciuti?

In alcuni casi specifici i titolari di assegno ordinario di invalidità hanno diritto a contributi figurativi.

Assegno ordinario invalidità

Ma è proprio vero che per chi percepisce l’assegno ordinario di invalidità sono riconosciuti contributi figurativi per il periodo non coperto da contributi da lavoro? La notizia è vera ma va detto che non a tutti la contribuzione figurativa viene riconosciuta.

Contributi figurativi assegno ordinario

Da premettere che, anche laddove la contribuzione figurativa venga riconosciuta ai titolari di assegno ordinario di invalidità, è valida solo per il diritto alla misura ma non per il calcolo. Questo significa che se anche la contribuzione figurativa viene riconosciuta sarà valida per raggiungere i contributi necessari all’accesso ma non sarà presa in considerazione per le determinazione dell’importo dell’assegno.

Ma andiamo a vedere quando ai titolari di assegno ordinario di invalidità viene riconosciuta contribuzione figurativa.

Innanzitutto al beneficiario di AOI viene riconosciuta contribuzione figurativa, nel caso non lavorasse, per la riconferma del beneficio: l’assegno ha scadenza triennale e va rinnovata domanda, i contributi figurativi riconosciuti fornisco i 3 anni di contributi necessari per la riconferma.

Nel caso, poi, il titolare non presti attività lavorativa durante la fruizione dell’AOI e non ha raggiunto i 20 anni di contributi minimi per accedere alla pensione di vecchiaia si vede riconoscere 3 anni di contributi figurativi per accedere alla pensione di vecchiaia.

Attenzione, però, i contributi figurativi sono riconosciuti solo ai fini della pensione di vecchiaia e non vengono, quindi riconosciuti per raggiungere il requisito di accesso alla pensione anticipata ordinaria o in deroga.