Stralcio cartelle, si inizia: fino a che anno, beneficiari, limiti

L’Agenzia delle Entrate ha dato il via all’operazione stralcio cartelle. Ecco fino a che anno, chi ne ha diritto e i limiti

Stralcio

L’Agenzia delle Entrate – Riscossione dà ufficialmente il via all’operazione ‘stralcio’ per quanto riguarda le cartelle fiscali fino al 2010, non ancora riscosse e contestate. Secondo i piani stabiliti dall’Amministrazione finanziaria, verranno automaticamente annullati tutti gli importi iscritti a ruolo fino a 5 mila euro. Ma non sarà una piazza pulita assoluta. Difatti, sussistono delle eccezioni che ti andremo a illustrare nelle righe seguenti.

Stralcio: i contribuenti che ne hanno diritto

Come dispone l’AdE, è previsto che i contribuenti abbiano un reddito imponibile pari o inferiore a 30 mila euro. Non conta la tipologia del soggetto preso in esame, se persona fisica, società oppure ente. Le modalità tecniche sono stabilite in una circolare siglata dal direttore Ernesto Maria Ruffini. La cartella andrà incontro a cancellazione pure se di valore complessivo superiore ma con singoli ruoli inferiori ai 5 mila euro.

Cosa comprende la misura e cosa no

La circolare numero 11/E spiega a chiare lettere che il 31 ottobre prossimo sarà stralciato in via automatica ogni debito che, fino al 23 marzo 2021, ha un importo residuo fino a euro 5.000 ed era stato affidato all’Erario nel periodo tra il 2000 e il 2010.

La misura, contenuta nel Decreto Sostegni, sancisce l’annullamento comprensivo di capitale, interessi per ritardata iscrizione a ruolo e sanzioni, risultanti dai singoli carichi attribuiti all’agente della riscossione da qualunque ente creditore, salvo i debiti espressamente esclusi, elencati nel documento di prassi. Come riferisce AdnKronos, rimangono, invece, fuori dal conteggio gli aggi, gli interessi di mora e le eventuali spese di procedura.

Lo stralcio di due o più cartelle

E se il contribuente dispone di più cartelle? L’importante è che nessuna di esse superi il già menzionato limite dei 5 mila euro. A quel punto tutte quante potranno beneficiare dell’annullamento del debito. Lo Stralcio varrà pure per tutti i debiti che rientrano nella Rottamazione-ter, nel Saldo e stralcio e nella Riapertura dei termini. Per stabilire se si possiedono o meno i requisiti idonei, basta collegarsi con il portale ufficiale dell’Agenzia delle Entrate.