Pensioni e fisco, sciopero, la CGIL minaccia l’esecutivo

Il Pnrr, l’incontro con il Premier e le riforme fanno alzare la voce a Landini.

landini

Riforma del Fisco difficile per via di alcune diatribe interne alla maggioranza del governo.

La riforma delle pensioni ancora più difficile, perché ci sono i diktat europei, il contenimento della spesa pubblica e misure di pensionamento anticipato in scadenza.

Arduo il compito dell’esecutivo Draghi, soprattutto perché a 360 gradi i sindacati pressano.

Sia sul Fisco che sulle pensioni le distanze tra governo e parti sociali sono siderali.

E nonostante ci sia l’appello alla collaborazione da parte, per esempio, del Ministro dell’economia, Daniele Franco, la Cgil con il suo leader Landini, minaccia sciopero.

 

Il governo chiede collaborazione e stop alle ideologie su pensioni e fisco

Nelle ultime giornate sono stati diversi gli eventi da segnalare. Per esempio, da Legge il Ministro Franco, come scrive il quotidiano “Il Giornale”, ha chiesto unità di intenti a tuti, anche ai sindacati. Un po’ ciò che ha detto Draghi ospite all’Assemblea di Confindustria, quando ha chiesto di mettere da parte le ideologie, sia per i datori di lavoro che per i rappresentanti sindacali.

In pratica una apertura alla piena collaborazione affinché si possano raggiungere quegli obbiettivi previsti dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza.

C’ sono da mettere a punto le grandi riforme, terreno minato naturalmente, e dove emergono tutte le differenti posizioni. Fisco e pensioni, ma anche lavoro, ammortizzatori sociali e burocrazia. Sono questi i campi di intervento dell’opera di riforma che attende Draghi e governo.

La dura presa di posizione di Landini per la Cgil, anche sulle pensioni

Collaborazione fino ad un certo punto però. Anche perché le materie sono troppo articolate e probabilmente ciò che chiede il governo può essere visto dai sindacati come una richiesta di accettare ciò che il governo chiede.

I sindacati da tempo chiedono una apertura di un tavolo di discussione, dove la loro voce deve essere ascoltata su tutti i campi, soprattutto sulle pensioni.

“Vogliamo che nella legge di Stabilità si apra una discussione per riformare le pensioni sbagliate fatte dalla Fornero, non solo Quota 100, e la riforma del fisco, che vuol dire meno tasse per lavoro dipendente e pensionati, e, dall’altra parte una vera lotta all’evasione fiscale”, queste le invettive lanciate dal Leader della Cgil Maurizio Landini.

In barba alle proposte di essere collaborativi Landini è rigido nelle sue posizioni che poi sono probabilmente in toto o quasi, le stesse delle altre sigle sindacali che formano la triplice.

“Se il governo non ci dà risposte valuteremo insieme a Cisl e Uil tutte le iniziative per portare a casa risultati”, questa la minaccia di Landini che tra le righe apre alla possibilità di indire uno sciopero.